Opportunità

I bandi Welfare, Scuola e Territorio, pubblicati annualmente, mettono a disposizione contributi per l’attivazione di percorsi di orientamento dedicati a studenti in difficoltà.

I destinatari sono gli studenti frequentanti gli Istituti d’Istruzione Superiore o Centri di Formazione Professionale della Provincia di Mantova e giovani neo qualificati/diplomati, con certificazione L.104/92 o in condizione di disagio.

Candidandosi al progetto, i ragazzi hanno l'opportunità di accedere a diversi servizi:

  • Valutazione delle conoscenze e delle risorse personali;
  • Creazione di percorsi individualizzati finalizzati alla scoperta di sé, allo sviluppo delle proprie capacità e competenze;
  • Individuazione del contesto adatto all’esperienza di alternanza scuola-lavoro;
  • Attivazione di tirocini e percorsi per sviluppare al meglio le proprie potenzialità;
  • Affiancamento e supporto costante da parte dei servizi di rete coinvolti;
  • Messa in rete con i servizi al lavoro della Provincia di Mantova (Ufficio Collocamento Mirato).

I percorsi possono essere attivati da Istituti d’Istruzione Superiore e Centri di Formazione Professionale della provincia di Mantova, cooperative di tipo A e B, Enti pubblici, Piani di Zona, Servizi Sociali e/o servizi di inserimento lavorativo, Servizi specialistici delle aziende sanitarie, Enti accreditati al lavoro, Associazioni di categoria, Imprese e altri soggetti indicati al punto 2 dei bandi.

Tali soggetti dovranno candidarsi obbligatoriamente in partenariato con la presenza di almeno un’altra realtà; per Azione 1 e Azione 2 dovrà essere sempre presente, in veste di capofila o di partner, l’Istituto d’Istruzione Superiore o il Centro di Formazione Professionale di afferenza dello studente preso in carico.

NOTE INFORMATIVE PER LA GESTIONE DEL PARTENARIATO E FAC-SIMILE ACCORDO


I bandi 2021/22 sono stati integrati con alcune importanti modifiche volte a offrire nuove opportunità per i destinatari delle AZIONI già aperte. Questi aggiornamenti hanno lo scopo di ampliare i possibili destinatari dei progetti e introdurre la possibilità di attivare laboratori esperienziali di gruppo per l’orientamento e l’accompagnamento al lavoro.

Le novità presenti sono sostanzialmente quattro:

  • Presentazione delle domande di partecipazione ai bandi entro il 31 luglio 2022;
  • Aumento della quota delle risorse a disposizione per i giovani in condizione di disagio, che passa dal 25% al 50% nel bando AZIONE 1, AZIONE 2 e AZIONE 3.
  • Maggiore apertura ai giovani in dispersione scolastica: data la crescente emersione di situazioni di abbandono scolastico come conseguenza della crisi pandemica, Welfare, Scuola e Territorio ha deciso di investire su azioni di supporto in questa direzione.
  • Introduzione del Project work/Laboratorio esperienziale di gruppo per l’orientamento e l’accompagnamento al lavoro. Per potenziare le competenze dei ragazzi coinvolti si propone la possibilità di attivare un campus” di potenziamento delle competenze (previsto con un minimo di 3 partecipanti) focalizzato sulla simulazione delle attività lavorative e/o sull’acquisizione di competenze, anche trasversali, funzionali all’inserimento socio-lavorativo.


I bandi aperti:

AZIONE 1 | ORIENTAMENTO ATTIVO: prevede di sviluppare percorsi realizzati su misura per le necessità dei ragazzi che saranno seguiti e accompagnati verso l’esperienza dell’alternanza scuola lavoro. Per individuare le proprie vocazioni e abilità specifiche. Si rivolge a studenti frequentanti il penultimo e ultimo anno del percorso di studi. 

AZIONE 2 | PRESA IN CARICO PRECOCE: prevede la realizzazione di percorsi e proposte di orientamento in uscita, formulate prima che la conclusione del percorso scolastico destabilizzi la prospettiva della famiglia e del ragazzo, presentando loro diverse opportunità e tipologie d’intervento per l’inserimento nel mondo del lavoro. Si rivolge agli studenti frequentanti l’ultimo anno del percorso di studi.

AZIONE 3 - ACCOMPAGNAMENTO AL LAVORO: prevede un accompagnamento all’inserimento socio-lavorativo per i giovani che hanno assolto l’obbligo scolastico, oppure qualificati o diplomati. L’obiettivo sarà costruire condizioni in cui il ragazzo diventi una reale risorsa rispetto alle esigenze aziendali o possa comunque maturare una propria identità lavorativa. Si prevede, pertanto, l’attivazione di progetti personalizzati di tirocinio finalizzati all’inserimento lavorativo.